Seleziona una pagina

POINTER

Classificazione cani da caccia (da ferma, inglesi)
Diffusione in calo progressivo, 2.394 soggetti iscritti nel 2015
Pagella Breedog  Razza nata per correre naso nel vento. Petto da nuotatore, muscoli da centometrista, fisico disegnato da un architetto. Ecco un cacciatore che non sfigura sulle passerelle delle expo perché in fatto di bellezza morfologica se la può vedere con tutti. In quanto cacciatore, a Breedog piace anche come ideale cane da famiglia. Proprio perché le razze da caccia sono fra le più equilibrate in assoluto sul piano caratteriale e scevre (specie i fermatori inglesi) da aggressività. Diciamo che se siete soliti passeggiare nel parco fumando la pipa e indossando un completo fumo-di-Londra o l’impermeabile, allora al guinzaglio siete obbligati a portarvi un pointer  voto 8-

 

pointer-04-min
Storia

Le origini di questa razza conservano, ancora oggi, una buona parte del loro mistero. Secondo alcuni, per rintracciarne la provenienza si potrebbe risalire al «cane che caccia in pianura lontano dagli uomini» di cui fa menzione Arrien nel II secolo. Tuttavia, dopo essere stato probabilmente selezionato in Italia, Francia o Spagna, esso è stato considerato inglese al 100% ed è servito a migliorare la maggior parte dei suoi “cugini” d’oltremanica.

Riguardo alla collocazione precisa della prima selezione, cioè se la razza sia originariamente italiana, francese o iberica, le opinioni degli esperti sono ancora contrastanti. Come è naturale, alcuni specialisti italiani hanno fatto discendere una razza così stimata dal Bracco Italiano, mentre certi autori francesi hanno sostenuto che il Braque Français non sia estraneo al miglioramento del pointer; ma i più numerosi sono i sostenitori di un’origine spagnola.

Questi autori sostengono che il bracco spagnolo sarebbe stato importato in Gran Bretagna tra il 1705 e il 1713 (data del trattato di Utrecht) da ufficiali e soldati inglesi reclutati al seguito del conte di Peterborough nella guerra di Successione spagnola, e che, a partire dal 1720, i cacciatori spagnoli si sarebbero impegnati nel miglioramento dei cani da ferma spagnoli.

Tuttavia, anche considerando che la selezione durò più di un secolo, si resta sbigottiti davanti al risultato finale: una trasformazione radicale; il Periguero Spagnolo (o Perdiguero de Burgos) è infatti il più grande e pesante dei bracchi continentali, con un corpo e una testa sviluppati, ricoperti da una pelle floscia, con un fiuto molto fino, ma assai lento e portato a lavorare nelle vicinanze del conduttore.

L’abilità – se non addirittura la genialità – degli allevatori inglesi è fuori discussione; ciò nonostante resta curiosa la scelta di prendere il cane più bonaccione e di maggior peso per costruire un galoppatore di razza, pur incrociandolo sapientemente con bloodhound, foxhound, levriero, e bull terrier o bulldog. Rimane certo, in ogni caso, che il pointer è stato chiamato per lungo tempo Old Spanish Pointer.

Aspetto generale

Simmetrico e ben costruito in ogni sua parte; il suo profilo presenta una serie di curve aggraziate. Un aspetto forte ma elegante. (fonte: Ente Nazionale Cinofilia Italiana)