Seleziona una pagina

AKITA

Classificazione spitz asiatici
Diffusione in forte crescita, 1.310 soggetti iscritti nel 2015
Pagella Breedog  A dire il vero le razze nordiche e primitive per loro natura non avrebbero le caratteristiche giuste per brillare nelle pagelle di Breedog essendo fortemente connotate da indole “selvaggia” e quindi non troppo inclini all’obbedienza docile e partecipata. Sarà il Giappone, sarà l’Akita, ma qui le doti caratteriali sono evidenti e rimandano a qualità ben definite che dirazzano abbastanza dagli altri protagonisti del Gruppo 5 della classificazione internazionale. Il nostro sa stare al suo posto, è equilibrato e vi sta a sentire. Non possiamo definirlo un tipo da “pacca sulla spalla”, un giocherellone, no. Ma su lui in ogni caso potete contarci. E se disgraziatamente avete visto il film Aichiko e vi siete commossi, beh allora potrebbe essere il cane più adatto a voi. voto 7

breedog-akita-01

In origine, i cani giapponesi erano di taglia da piccola a media e non esistevano cani di grossa taglia. Fin dal 1603 nella regione di Akita, gli “Akita Matagi” (cani di media taglia per la caccia all’orso) venivano usati come cani da combattimento. Dal 1868 gli Akita Matagi furono incrociati con i Tosa e i Mastiff.

Ne consegue che la taglia di questa razza aumentò, ma le caratteristiche associate con gli Spitz andarono perdute. Nel 1908 la lotta fra cani fu proibita, ma questa razza fu ugualmente mantenuta e migliorata come una razza giapponese di grossa taglia.

Come risultato, nove eccezionali esemplari di questa razza furono designati “ Monumenti Naturali” nel 1931. Durante la IIª Guerra Mondiale (1939-1945) si usava utilizzare la pelle dei cani come pelliccia per gli indumenti militari.

La polizia ordinò la cattura e la confisca di tutti i cani all’infuori dei Pastori Tedeschi usati a scopo militare. Alcuni cinofili tentarono di circuire l’ordine incrociando i loro cani con i Pastori Tedeschi. Quando la IIª Guerra Mondiale terminò, gli Akita erano stati drasticamente ridotti di numero e ne esistevano tre tipi distinti: 1) Akita Matagi, 2) gli Akita da combattimento, e 3) gli Akita da pastore.

Ciò determinò una situazione molto confusa nella razza. Durante il processo di ristabilimento della razza pura dopo la guerra, Kongo-go, un cane della linea Dewa, le cui caratteristiche mostravano l’influenza del Mastiff e del Pastore tedesco, godette di una temporanea ma enorme popolarità.

Però i cinofili più eruditi non accettarono questo tipo come una razza Giapponese vera e propria, e si sforzarono di eliminare quanto veniva da vecchi ceppi stranieri, incrociando con gli Akita Matagi per ritornare alla pura razza. Riuscirono a stabilizzare la pura stirpe della razza di grossa taglia così come è conosciuta oggi.

Un tipo tutta forza e sostanza

Cane di grande taglia, di robusta costruzione, ben proporzionato e con molta sostanza; le caratteristiche del sesso sono fortemente marcate. Ha grande nobiltà e dignità anche se modesto. Corporatura robusta. Il rapporto tra altezza al garrese e lunghezza del corpo ( dal punto delle spalle al punto delle natiche) è pari a 10/11 , ma il corpo è leggermente più lungo nelle femmine che nei maschi. Il temperamento è composto, fedele, docile e recettivo. (fonte: Ente Nazionale Cinofilia Italiana)

Vedi la scheda della razza sul sito dell’Ente Nazionale Cinofilia Italiana